le acque termali....

dell'Etruria meridionale sono aprezzate e riconosciute dai tempi dei Romani

Infatti l'antica via Clodia, che collegava l'Etruria interna alla capitale, fu nominata dai Romani come la strada delle terme. Famosissima fin da quei tempi sono le terme di Saturnia (purtroppo spesso sovrafollate) e le terme dei Papi di Viterbo. Stabilimenti e Spa si trovano anche a Sorano e a Vulci. Non meno famose le cosidette "pozze": vasche termali all'aria aperto, spesso in uso da tempi remoti. Oggi giorno rappresentano un'alternativa più suggestiva ed economica ai bagni termali tradizionali e le Spa. Famosi e molto frequentati, sia da gente del posto, che da turisti, sono le pozze di Viterbo: la sorgente del Bulicame, che fornisce l'acqua alle terme dei Papi, i bagni Carletti e il bagnaccio direzione Montefiascone. Da nominare anche le terme del masso di San Sisto tra Tuscania e Vetralla e le terme di Vulci in località Riminino.
La Banditella, non si trova particolarmente vicina ad uno di questi luoghi in particolare, ma nel mezzo. Tranne Saturnia, che rimane a ca. 40 km, tutte le  pozze e Spa distano dai 17 ai 25 km. Le più vicine: le pozze di San Sisto e i bagni Carletti. Tutte e due da raggiungere in meno di venti minuti in macchina.
Le pozze si frequentano soprattutto nella stagione fredda, viste le alte temperature dell'acqua. In estate conviene andarci di sera o di notte...
Saturnia
Saturnia
Bagnaccio
Pozze di San Sisto
Pozze di San Sisto
Terme-di-Saturnia
terme di Vulci (Riminino)
Terme di Sorano
  • Saturnia
  • Saturnia
  • Bagnaccio
  • Pozze di San Sisto
  • Pozze di San Sisto
  • Terme-di-Saturnia
  • terme di Vulci (Riminino)
  • Terme di Sorano
  •  

     

     

    Copyright "La Banditella" di M.T.Metz © 2016. All Rights Reserved.